cerca

Ricerca personalizzata

02 feb 2012

E neve fu!


Torino-c.so Tazzoli foto scattata da Stefania Basso
Mi trovo a scrivere un post dedicato a questa bellissima e intensa nevicata che sta unendo l'Italia.

Partita qui dal nord-ovest adesso si sta espandendo in ogni dove, anche al  centro-sud.

La neve mi è sempre piaciuta e, anche da adulta, continua a piacermi.
Sarà quel senso di pace, o sarà quel sentire i rumori della città tutti attutiti... tutto é silenzio.
Solo qualche macchina di passaggio ogni tanto. Neve sotto i piedi che fa "crac crac". Bellissimo.

La neve che cade abbondante ti invita a cambiare ritmo, a goderti lo spettacolo.
E` pura Natura!
Sia che la guardi attraverso un vetro appannato dal tuo respiro, o che tu vada giù in strada a schiacciarla con i piedi, è un evento da godersi con tutti i sensi.
Soprattutto ci dice una cosa importante: RALLENTARE. Cambiare il passo, perché, finche cade, è lei che comanda.



Non a tutti piace, perché mette a nudo le nostre debolezze: l'incedere cosi instabile sui marciapiedi, la necessità di coprirsi dal freddo, l'impossibilità di andare speditamente dove si vuole, il bisogno di avere una casa calda in cui ripararsi, creano un punto di rottura nella routine del tutto-pianificato-fino-al-minimo-dettaglio.
Si arriva anche alla decisione, talvolta presa in extremis, di regalare un giorno di vacanza da scuola ai bimbi (e un corrispondente giorno di passione ai genitori lavoratori!).Io per fortuna, rientro nella categoria del "MI PIACE", anche perchè mi posso permettere il lusso di tenere i bambini a casa, se necessario, senza scomodare nessuno; tutt'al piú mi prendo anch'io una pausa dal lavoro, tanto il "capo" sono io stessa!

Ieri siamo rimasti al freddo a casa (io lavoro da casa) tutto il giorno; a causa di una perdita han dovuto isolare l'impianto di riscaldamento condominiale. Ecco, essendo io architetto e avendo l'interesse per la bioedilizia (CasaClima in primis!), m'è venuta spontanea una riflessione: se avessimo abitato in una casa isolata termicamente (classe A o B ben fatta), avremmo potuto avere 20 gradi lo stesso senza bisogno di accenderlo, il riscaldamento! In casi come questo, quando la tecnologia non puó tutto (vedi il caso della centrale termica delle Molinette), se non è accompagnata dal concetto di efficienza energetica, avrebbe fatto la differenza! 

foto scattata da Stefania Basso
foto scattata da Stefania Basso


A molti la neve non piace perché è fredda. Non è vero! La neve scalda. Scalda i muscoli e scalda i cuori dei quelli che vogliono giocare con lei.
La neve copre tutto, azzera pure i pensieri, li mette in una sorta di "stand-by". E` un invito alla contemplazione.





Ricordo la gioia nel ricevere la notizia della chiusura delle scuole durante la copiosissima nevicata del '85, forse qualcuno della mia età se la ricorda. Tutti in strada sotto casa a fare battaglia con le palle di neve, o a sgommare con la bici (all'epoca una BMX rossa fiammante!) sulla via in discesa piena di neve!


Molte cose sono cambiate nel modo di essere bambini da quando lo ero io ad ora, che lo sono i miei figli. Ma quel sentimento cosi fanciullesco di pura gioia e di grande allegria  io lo ritrovo negli sguardi dei bambini di oggi, intatto, cosi come lo era allora il nostro.
Allora, perchè non godersi questa bellissima opportunità di mandare a monte tutti i programmi e godersi questa nuova atmosfera?!

2 commenti:

  1. Questa foto è stata scattata vicino casa mia!! :D Quasi quasi che scopriamo di essere vicine?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh in effetti non abitiamo lontano da quella zona...qui eravamo di ritorno da cascina Roccafranca!

      Elimina

Vuoi commentare il post? Lascia una traccia!